Doveva presentarsi in aula per debiti con Equitalia: rischiava il pignoramento dei beni

Falso allarme bomba al tribunale di Ivrea, commerciante nei guai

L'uomo, originario di Candia Canavese, telefonò per annunciare l'esplosione di un ordigno nel palazzo di giustizia eporediese. E' stato smascherato e denunciato dalla polizia

Falso allarme bomba al tribunale di Ivrea: commerciante nei guai. Gli agenti del locale commissariato di polizia hanno identificato l’autore della telefonata che, lo scorso 3 febbraio, aveva annunciato l’esplosione di un ordigno all’interno del palazzo di giustizia eporediese. Si tratta di un esercente di Candia Canavese che è stato denunciato per procurato allarme.

L’UOMO AVEVA NUMEROSI DEBITI CON EQUITALIA
L’uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, sarebbe alle prese con una serie di debiti con Equitalia. Quella mattina, secondo quanto hanno ricostruito gli agenti del distaccamento eporediese, si sarebbe dovuto presentare in tribunale per un’udienza nel corso della quale avrebbe rischiato il pignoramento dei beni. Da qui, forse, la telefonata con la quale annunciò l’esplosione della bomba.

GLI ACCERTAMENTI PROCEDONO
Gli accertamenti, in ogni caso, sono al momento in corso. E gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo sulla vicenda che rischiò di provocare non pochi disservizi alla struttura giudiziaria.

loop-single