Tensione nel quartiere Aurora

Striscioni per fermare il suk: «Non vogliamo gli abusivi»

Protesta e presidio dei residenti per opporsi al trasloco al Ponte Mosca

Striscioni per fermare il suk

Torino. Nemmeno il rinvio di un mese sullo spostamento del suk nell’area Ponte Mosca ha calmato gli animi dei residenti del quartiere Aurora. Domenica mattina una delegazione è scesa in strada per protestare contro il Comune, accompagnata dal Coordinamento Ponte Mosca. I cittadini hanno ribadito la loro contrarietà al trasloco dei venditori del libero scambio nell’isolato compreso tra via Aosta, lungo Dora Firenze e corso Giulio Cesare. E per farlo capire bene alle istituzioni hanno affisso degli striscioni sui balconi.

“No illegalità”, “No degrado”, “No abusivi”, “No suk qui” alcuni dei messaggi riportati a chiare lettere dalle palazzine che si affacciano proprio sull’area incriminata.

Alla protesta hanno preso parte anche il presidente della circoscrizione Sette, Luca Deri, il presidente della commissione Aurora, Pino La Mendola e il consigliere del Pd, Enzo Lavolta. Oltre ad un folto gruppo di consiglieri di minoranza: Patrizia Alessi (Fdi), Giulia Gariglio (Fi), Domenico Giovannini (Lista Rosso) e Daniele Moiso ( Lega Nord).

«La giunta Appendino – replicano i consiglieri -, ha tirato dritto per la sua strada per poi stoppare in extremis lo spostamento al Ponte Mosca. Ora dobbiamo capire se è rinviato solo di un mese o se stanno cercando un’altra area».

E ieri mattina, a seguito della protesta dei residenti, ignoti hanno vandalizzato gli stabili intorno all’area Ponte Mosca, imbrattando i citofoni di vernice. Ma non è ancora chiaro se i due episodi possano essere collegati. «Condanniamo con forza tali azioni – rincara la dose la presidente del comitato, Adriana Romeo -. Sono metodi lontani da ogni forma civile di dissenso. Respingiamo l’atteggiamento dei pochi che hanno agito con inciviltà, ribadiamo con fermezza assoluta che non ci faremo intimidire da atti di questo tipo e continueremo a portare avanti la nostra protesta ».

 

loop-single