Si discute sul progetto di riqualificazione del tratto tra corso Vittorio e piazza Carducci

Via Nizza a doppio senso o no? «Un referendum tra i cittadini»

Commercianti divisi tra 48 contrari e 43 favorevoli alla nuova viabilità. Manca ancora il volere dei residenti

Via Nizza

I commercianti di via Nizza spaccati in due sulla proposta di senso unico portata avanti dalla circoscrizione Otto. Sono stati 43 ad esprimere il proprio favore all’idea, 48 invece quelli che si sono detti contrari e quindi in accordo al doppio senso voluto dall’assessore alla viabilità Maria Lapietra. Tanto che l’idea, allo stato delle cose, sarebbe quella di una consultazione tra i residenti.

Un referendum, insomma, su uno dei punti principali del grande progetto di riqualificazione del tratto tra corso Vittorio e piazza Carducci, per cui è prevista la creazione di due piste ciclabili monodirezionali, l’abbattimento di alcune barriere architettoniche e l’eliminazione di 140 posti auto.

«Il senso unico causerà un ridimensionamento del passaggio delle automobili e, in conseguenza, della clientela», è la voce che si innalza dal fronte del no. L’esatto opposto delle argomentazioni portate avanti da Massimiliano Miano, vicepresidente della Otto e promotore del progetto: «Non condivido le preoccupazioni di chi ha votato no – ha spiegato -, perché l’istituzione del doppio senso, ma con una carreggiata molto più stretta per la creazione delle piste, sarà la morte del commercio fisso su via Nizza tra aumento di smog e difficoltà di parcheggio. Il senso unico consentirebbe invece il mantenimento del 90% dei posti auto, con la creazione di nuovi parcheggi a pettine che andrebbero a sostituire quelli soppressi, e la conseguente istituzione del senso unico in via Madama, che snellirebbe ancor di più il traffico».

I commercianti, però, sono solo una fetta del quartiere: manca il volere dei residenti. Ecco perché «ora siamo intenzionati a proseguire la strada del senso unico attraverso una consultazione popolare, poiché è importante sentire le migliaia di residenti che su via Nizza vivono», ha concluso Miano.

 

loop-single