La candidata del M5S al ballottaggio: "Chiamare Airaudo? E' presto, siamo ancora concentrati sui contenuti"

TORINO AL VOTO. Appendino ci crede: “Gap con Fassino colmabile. Nostro primo atto sarà taglio 30% spoil system”

Arrivano le prime parole da Chiara Appendino, candidata a sindaco a Torino del Movimento 5 Stelle. Dopo la certezza quasi matematica del ballottaggi con Piero Fassino, dal comitato elettorale del Cortile del Maglio, ha così commentato. E’ un risultato storico. Sono quindici anni che a Torino non si va al ballottaggio. Quello di oggi è un traguardo bellissimo”. Poi su eventuali alleanze ha aggiunto. “Non ci saranno coalizoni in cambio di voti. Abbiamo fatto una campagna di voto sul territorio e così faremo nel corso delle prossime settimane”.

CHIAMARE AIRAUDO? E’ ANCORA PRESTO
“E’ presto, siamo ancora concentrati sui contenuti”. Così Chiara Appendino, candidato sindaco del M5S a Torino, risponde, a Rainews, a chi le chiede se abbia chiamato dopo il voto Giorgio Airaudo, il parlamentare di Sinistra Italiana che si è fermato al 3,6%.  
 
PRIMO ATTO: TAGLIO 30% SPOIL SYSTEM
“Il nostro primo atto amministrativo sarà il taglio del 30% di quello che abbiamo definito lo spoil system di Fassino ovvero i portaborse, i dirigenti fiduciari che decadono ovviamente col sindaco. Con questi soldi costituiremo un fondo da 5 milioni di euro per inserire i giovani nelle piccole e medie imprese “. Così Chiara Appendino, candidata del M5S a Torino, nel suo intervento ad Agorà (Rai3).  

IL GAP CON FASSINO E’ COLMABILE
Torino è una roccaforte del Pd, il ballottaggio è un risultato storico, credo il gap con Fassino sia colmabile“. Così il candidato sindaco di Torino di M5S, Chiara Appendino, che ha aggiunto: “dal voto è emersa la voglia di una forza propulsiva nuova e noi siamo quella forza. Da opposizione stiamo diventando forza di governo. Le speranze sono buone ma quello che conta è il lavoro fatto in Consiglio comunale in questi cinque anni e in campagna elettorale negli ultimi 8 mesi”. Quanto ad eventuali apparentementi, Appendino ha ribadito: “crediamo che la priorità sia il dialogo con i cittadini e non poltrone in cambio di voti. Abbiamo fatto una scelta di trasparenza nella scelta della squadra e del programma, continueremo su questo. Si deve aprire una fase nuova, stiamo presentando il programma e le priorità e i cittadini, in base alle proposte, valuteranno”. 
 
RENZI PENSI A RISPOSTE NON DATE 

Renzi dovrebbe pensare a tutte le risposte che non ha dato, il Pd a Torino ha perso 90 mila voti”. Così la candidata sindaco di Torino per il Movimento 5 Stelle, Chiara Appendino, replica alle dichiarazioni del premier.  

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single