A gambe levate

Fonte: Depositphotos

Sarebbe una bella idea per un opuscolo, o una guida turistica: quattordici modi per andare in centro a Torino. Senza l’auto. Li ha elencati tutti (mi sfugge solo se ci sia anche la possibilità di andare a cavallo) l’assessore Maria Lapietra di fronte alle perplessità continue per quella che sarà la nuova Ztl del centro. Si comincia dai mezzi pubblici, ovviamente, dunque tram e bus, molti dei quali saranno presto rinnovati. Certo, ci sarebbe da discutere sulla questione degli orari dei mezzi pubblici (più passaggi di sera non guasterebbero), ma questo esula dal tema della Ztl. Poi, la bicicletta: magari una di quelle gialle del Comune, o un’altra a noleggio così che i soliti idioti possano abbandonarla in mezzo al marciapiede (che per molti è anche il luogo preferito dove transitare). E, sorpresa, il monopattino: ce ne sono di pieghevoli, così si risolve il problema del parcheggio. E lo scooter (anche qui, possibilità di noleggio) o la moto. Per chi ha necessità però di trasportare sporte o pacchi, sono previsti corsi di guida da parte di centauri vietnamiti o indiani? Ci sono foto su Google che danno l’idea delle infinite possibilità di dominio dello spazio. E scusate l’ironia, ma io sono in effetti abituato a spostarmi in scooter per la città. Insomma, non è che il centro cittadino diventi la città proibita, pare dire l’assessore Lapietra. Ma neppure va considerato solo un luogo dove andare esclusivamente per passeggiare, per quanto la suola delle scarpe sia sempre il mezzo più semplice a disposizione (anche per andarsene a gambe levate, come temono i commercianti).

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single