Dalla scorsa mezzanotte a Torino

Accesi i “T Red”: multe fino a 600 euro per chi passa con il rosso in tre incroci pericolosi

Impianti in funzione tra i corsi Regina Margherita e Potenza, Peschiera e Trapani, Vercelli e Novara. Altri 4 saranno accesi entro la fine dell'anno

Semafori intelligenti in azione: è già tempo di bilanci a Torino per i T-red a Torino. In una settimana rilevati 3.500 passaggi col rosso.

Si sono “accesi” oggi a mezzanotte i semafori intelligenti di Torino: sono gli impianti “T Red” capaci di immortalare le auto che passano col rosso o superano la linea di arresto. E sono stati attivati nei primi tre incroci più pericolosi del capoluogo piemontese: tra i corsi Regina Margherita e Potenza, Peschiera e Trapani, Vercelli e Novara. Chi sgarra rischia multe fino a 600 euro.

LE MULTE PREVISTE
Per essere più precisi: se l’automobilista ferma la macchina oltre la linea di arresto si va dai 42 ai 173 euro, più la decurtazione di due punti di patente. Se invece il veicolo attraversa l’incrocio col rosso la multa oscilla tra i 167 e i 666 euro, e sei punti in meno. L’importo viene aumentato di un terzo se queste violazioni vengono commesse dopo le ore 22 e prima delle 7.

IL PERIODO DEI TEST
Nel periodo in cui sono stati testati, si sono registrate circa mille contravvenzioni al giorno, ma per il comandante dei civich torinesi Emiliano Bezzon i numeri sono destinati a calare. “Faremo le prime valutazioni tra martedì e mercoledì” , aveva detto il capo della municipale.

INCROCI SCELTI IN BASE ALLA PERICOLOSITA’
Gli incroci dei “T Red” sono stati scelti sulla base della pericolosità, calcolando il numero di incidenti stradali (oltre a quello dei feriti e dei morti provocati dai sinistri). Alle fine saranno 14, in tutto, gli impianti semaforici dotati del meccanismo di rilevazione che raccolgono una lunga sequenza di immagini dell’incrocio prima e dopo l’infrazione.

ENTRO FINE ANNO ACCESI ALTRI QUATTRO
Dopo i primi tre accesi la scorsa notte, altri quattro saranno attivati entro la fine dell’anno, poi nel corso del 2020 si accenderanno, a ruota, tutti quanti gli altri. L’installazione è stata effettuata da Irene i dati prodotti saranno interfacciati con il nuovo sistema gestionale delle procedure sanzionatorie per violazioni del Codice della Strada del corpo di Polizia Municipale, mentre la gestione e la manutenzione saranno affidate alla società 5T. Il costo di avvio iniziale è di circa 59mila euro, cui andranno aggiunti i costi di esercizio annui.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single