Taglio del nastro

Cardiologia, nuova sala ibrida alle Molinette di Torino: investiti 4,3 milioni

Realizzata con il contributo della Compagnia di San Paolo è stata inaugurata oggi negli spazi della Città della Salute

L'ingresso dell'ospedale Molinette di Torino

Con un investimento complessivo che supera quattro milioni e 300 mila euro, l’ospedale Molinette di Torino è stato dotato di una nuova sala ibrida e di un nuovo reparto di degenza in cardiochirurgia. L’intervento, inaugurato oggi alla presenza del presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, dell’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta, del commissario della Città della Salute Gian Paolo Zanetta, e della vicepresidente della Compagnia di San Paolo Licia Mattioli, ha visto la ristrutturazione completa dei 1.300 mq del dipartimento cardio-toraco-vascolare diretto da Mauro Rinaldi.

AL FINANZIAMENTO HA PARTECIPATO LA COMPAGNIA DI SAN PAOLO
Al finanziamento ha partecipato la Compagnia di San Paolo, che nel triennio 2015-17 ha speso 22 milioni per la sanità piemontese e per quello 2017-19 ne ha stanziati altri dieci. I rappresentanti delle istituzioni hanno osservato che si tratta di un importante esempio di collaborazione pubblico-privato, e di una sorta di ponte verso il nuovo Parco della Salute, il cui primo bando è stato annunciato da Chiamparino entro giugno. L’investimento, hanno rimarcato, permetterà interventi avanzatissimi, dove per esempio si opera sul cuore senza aprire il torace, con la chirurgia mini-invasiva. Questo renderà possibile intervenire anche su persone prima inoperabili, e consentirà di eseguire interventi multipli laddove prima si dovevano eseguire più interventi chirurgici separati. “Le risorse – ha sottolineato Chiamparino – non saranno sprecate, perché con circa 50 mila euro tutte le tecnologie potranno essere trasferite nel nuovo Parco della Salute”.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single