Dopo l’annuncio dell’esubero di 497 operai

CRISI E LAVORO. Speranze per Embraco. Trattativa di Calenda o un nuovo investitore

Pressioni del ministro con gli attuali proprietari Delegazioni incontrano il premier e la sindaca

Spunta un barlume di speranza per i lavoratori dell’Embraco. Anzi due: il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, che ieri ha partecipato al tavolo sindacale a Roma, punta ancora a convincere i vertici dell’azienda a mantenere lo stabilimento di Riva presso Chieri e salvare i 497 dipendenti in esubero (su 537).

O, in alternativa, a trovare un’altra impresa che rilevi l’area e i lavoratori. Così si coinvolgerebbe Invitalia, l’agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti: una soluzione che consentirebbe di attivare al- meno nove mesi di cassa integrazione.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single