A dieci anni di distanza la commemorazione al cimitero Monumentale. Al via lavori per il memoriale

Tragedia Thyssen-Krupp, è il giorno della memoria. Appendino: “Giustizia incompiuta. E’ inaccettabile” [FOTO E VIDEO]

La sindaca: "Saremo al fianco delle famiglie dei 7 operai". Chiamparino. "Germania fa finta di niente e questo a tutti noi non piace"

E’ il giorno del ricordo a Torino per le sette vittime della Thyssen-Krupp. A dieci anni di distanza oggi c’è stata la cerimonia di commemorazione degli operai, morti nel rogo delle acciaierie.

Oltre ai parenti dei defunti erano presenti al Cimitero monumentale anche Chiara Appendino, sindaca di Torino, Sergio Chiamparino, presidente della Regione e primo cittadino al tempo della tragedia, e Mario Laus, presidente del Consiglio Regionale.

APPENDINO. Duro il messaggio di Chiara Appendino contro la giustizia tedesca. “Non si può parlare di giustizia se non trova applicazione. Ad oggi ancora non è compiuta e tutto ciò è inaccettabile. Torino sarà al fianco dei familiari delle vittime e le aiuterà in ogni gesto che vorranno fare. Le istituzioni non vi dimenticano. Siete un esempio per tutti noi per la forza che avete dimostrato in questi 10 anni. Questa è stata una delle tragedie più gradi del nostro Paese e purtroppo continua a essere ancora molto attuale. Il concetto di lavoro non può essere associato alla morte. La memoria di quella notte è più viva che mai per le istituzioni, che ne escono comunque sconfitte, e per i cittadini che si chiedono a quante manifestazioni sulla sicurezza sul lavoro dovranno ancora partecipare prima che questo diritto sia garantito”.

CHIAMPARINO. Il messaggio di Sergio Chiamparino segue un po’ la scia di quanto ha scritto lui stesso sul proprio profilo Facebook. “Siamo vicini alle famiglie e ci adopereremo in ogni modo, per quanto in nostro potere, affinché la Germania riconosca che di fronte a tragedie come questa non possono esserci confini. Fu il dramma di un’intera città, che purtroppo ancora non ha giustizia perché la Germania sostanzialmente fa finta di niente e questo alla città e a tutti noi non piace”.

AL VIA LAVORI PER MEMORIALE. “Erano 10 anni che aspettavamo questo momento, ce lo avevano promesso e finalmente è arrivato”. Così Grazia Cascino, mamma di Rosario Rodinò, uno dei sette operai morti dieci anni fa nel rogo della Thyssen- Krupp, davanti all’impalcatura di quello che, nel campo M del cimitero Monumentale di Torino, diventerà il memoriale della tragedia. Un luogo per celebrare tutti i caduti sul lavoro. Il progetto, realizzato da Afc Torino in accordo con il Comune, prevede la realizzazione di un’opera in cemento armato con una serie di pilastri bianchi intorno che perdono la loro simmetria come colpiti dalla tragedia improvvisa. Il memoriale per le vittime Thyssen dovrebbe essere ultimato entro il 2019 e la spesa stimata è di 280 mila euro.

loop-single