I ritrovamenti

Dalla Francia all’Estonia, ecco come l’ultima guerra fa ancora parlare di sé

Dalle sabbie del Sahara riemerge un caccia della Raf, dalle acque di un lago in Estonia un carrarmato sovietico, in una cava sotterranea in Francia una rimessa di vecchie auto

Il T-34 sovietico risalente all'ultima guerra ripescato in un lago in Estonia

Vecchie auto nascoste in una cava abbandonata, nella Francia centrale, per paura dei saccheggiatori nazisti; chili e chili di pericolosi ordigni inesplosi, scovati in Germania. Ma anche un caccia della Raf creduto perduto per sempre e invece riemerso, come per incanto, dalle sabbie del deserto del Sahara. Ancora: un arsenale di armi leggere, tra cui un fucile dell’Armata Rossa, pescato in una palude in Russia. E un carrarmato sovietico T-34 perfettamente funzionante, tirato fuori dalle acque di un lago tra i boschi dell’Estonia. Sono gli ultimi incredibili ritrovamenti della Seconda Guerra Mondiale effettuati nel corso dei mesi scorsi sui teatri bellici in cui si è combattuto l’ultimo sanguinoso conflitto.

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single