LA GRANDE PAURA

Domani il rientro in Italia dei cinque piemontesi rimasti bloccati a Wuhan per il Coronavirus

Per due settimane resteranno in quarantena in una caserma della Cecchignola. Il viceministro Sileri: "Ma chi ha sintomi sospetti non sarà imbarcato"

(depositphotos)

E’ atteso per domani mattina, poco dopo le 8, a Pratica Di Mare (dove saranno sottoposti al protocollo sanitario), il rientro in italia dei cinque piemontesi rimasti bloccati a Wuhan in Cina a causa dell’allarme Coronavirus. Si tratta dell’imprenditrice astigiana Roberta Menin, 36 anni, trasferitasi ormai da sette anni con il marito (che è originario di Valenza) proprio a Wuhan, dove, con un socio, hanno aperto un ristorante. Con loro anche la loro figlia piccola di 2 anni e mezzo ed altri due corregionali.

IN VOLO PER L’ITALIA
Il Boeing KC767 dell’Aeronautica militare che dovrà trasportarli a casa, insieme con altri 60 connazionali (di Lazio, Abruzzo, Lombardia, Veneto, Puglia, Campania e Molise), è atterrato nell’aeroporto internazionale della città da dove si diffusa l’epidemia, intorno alle 23 ora locale (le 16 in Italia). La partenza è prevista per questa sera.

SARANNO POSTI IN QUARANTENA
A bordo con loro viaggerà anche il personale sanitario cui toccherà il compito di affrontare eventuali casi sospetti di contagio. Poi, una volta a Pratica di Mare, i passeggeri saranno messi in quarantena per due settimane in una caserma della cittadella militare della Cecchignola.

“VOLO NON IMBARCHERA’ CHI HA SINTOMI SOSPETTI”
In ogni caso, ci ha tenuto a far sapere il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, Una volta a Wuhan “il personale sanitario effettuerà un primo screening e nel caso di soggetti che presentino sintomi del Coronavirus,” questi “saranno sottoposti ad accertamenti più approfonditi e non potranno essere imbarcati su questo volo”.

AL LAVORO CON SPIRITO DI SQUADRA
“Stiamo lavorando senza sosta e con grande spirito di squadra per garantire il rientro dei connazionali da Wuhan” ha detto il commissario straordinario per l’emergenza coronavirus Angelo Borrelli dopo una visita alle strutture allestite nell’aeroporto militare di Pratica di Mare ed alla Cecchignola. “Opereremo assicurando i migliori standard di sicurezza” ha sottolineato ancora Borrelli, questa volta in un tweet del Dipartimento della Protezione Civile.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single