IVREA

Due consiglieri si sono dimessi. Scatta l’allarme per il Carnevale

Il “Comitato delle componenti” ha chiesto un incontro urgente a sindaco e presidente

Allarme per il prossimo Carnevale di Ivrea. Dopo le dimissioni di due consiglieri della Fondazione che gestisce l’evento, il Comitato delle Componenti ha chiesto con urgenza un incontro al sindaco Stefano Sertoli per ricomporre i rapporti e riportare serenità in vista dell’edizione 2019.

Le Componenti (ovvero le associazioni che concorrono all’organizzazione del Carnevale) si sono incontrate mercoledì sera: «Esprimiamo il sincero apprezzamento per il grande lavoro svolto e la piena solidarietà alle consigliere Elisa Gusta ed Emilia Sabolo che nel corso dell’incontro hanno manifestato e chiarito all’assemblea le ragioni che hanno portato alle loro dimissioni dal consiglio d’amministrazione della Fondazione. Sottolineando la forte preoccupazione per il prosieguo delle relazioni tra il Comitato stesso e la Fondazione, chiediamo un immediato incontro con il sindaco e il presidente della Fondazione per chiarire i rapporti tra i vari attori, basilare per la buona riuscita dell’ormai imminente edizione dello Storico Carnevale». Il comunicato è stato sottoscritto da gruppo Alfieri, Circolo ufficiali e stato maggiore, Albo dei carri da getto, Comitato della croazia polenta e merluzzo, Citoyens de la ville d’Ivrée, Ordine della mugnaia, Amis ad piassa d’la Granaja, associazione museo dello Storico Carnevale di Ivrea, Albo delle fagiolate, gruppo storico I Credendari/Scorta del Podestà, Pifferi e Tamburi, associazioni universitarie, associazione Aranceri a Piedi, scorta della Mugnaia, associazione Aranceri, Carri da getto e il rappresentante del comitato nella Fondazione, Paolo Diane.

Le dimissioni delle consigliere sono arrivate in seguito ad alcune decisioni, come quella di spostare i fuochi dalla notte della domenica al sabato, non condivise. «Entro la prossima settimana – rispondono il sindaco e il vicesindaco Elisabetta Ballurio, con delega alle Manifestazioni – incontreremo le Componenti e il consiglio d’amministrazione della Fondazione». «Faremo chiarezza – precisa Ballurio -, ma devono sapere che noi siamo stati eletti con un programma e un mandato dai cittadini e lo attueremo, anche per migliorare il Carnevale. Inoltre proporremmo una revisione dello statuto della Fondazione per riequilibrare la rappresentanza nel Comitato».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single