IL RAID

Falchera, ladri fanno irruzione nella sede della Cittadella e rubano tutto

L'area stava rinascendo grazie all'impegno della Nida. Appendino: "Profondo sdegno"

Foto dalla pagina Facebook della Nida onlus

Ladri in azione nella sede della Cittadella a Falchera, gestita dalla Nida (Nazionale Italiana dell’Amicizia). “In questi giorni qualche delinquente ha pensato bene di entrare alla Cittadella a Falchera e rubare tutto. Tutto, dai sacchi di cemento agli attrezzi per tenere puliti i campi da gioco – ha scritto su Facebook la sindaca di Torino, Chiara Appendino -. Dopo tanti anni di abbandono, la Nazionale Italiana Dell’ Amicizia Onlus ha preso in concessione la Cittadella di Falchera e la sta facendo letteralmente rinascere, per la gioia delle famiglia del quartiere e non solo”.

Appendino continua: “Rubare alla Nida vuol dire non avere rispetto per il sorriso di un bambino disabile e del nonno che lo accompagna alla Cittadella perché sa che lì ci sono supereroi che se ne prendono cura e lo fanno giocare con gli altri piccoli. Rubare alla Nida vuol dire non avere rispetto della proprio comunità e dei sogni dei più indifesi. Rubare alla Nida vuol dire non avere rispetto per se stessi”.

Il Comune è pronto a scendere in campo: “Non c’è una parola per descrivere il profondissimo sdegno che provo, come Sindaca e come persona, di fronte a un gesto del genere, ma c’è un messaggio che voglio lanciare senza ombra di dubbio: Torino sta con la Nida, e sarà al suo fianco per rialzarsi”.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single