DOMANI SERA TORNA LA CHAMPIONS

Juve, senti Pirlo: “Serve continuità. Contro il Ferencvaros come fosse una finale”

Il tecnico bianconero vuole chiudere il discorso qualificazione: "Così potremo concentrarci sul campionato"

Andrea Pirlo (foto depositphotos)

Obiettivo qualificazione agli ottavi di finale con due giornate di anticipo. Andrea Pirlo non vuol sentir parlare d’altro. Contro il Ferencvaros, prossimo avversario di Champions, domani sera, serve solo vincere. Senza se e senza ma. Affrontando gli ungheresi come fosse una finale.

SERVE CONTINUITA’ NELLE PRESTAZIONI
“Contro il Cagliari – spiega l’allenatore dei bianconeri – abbiamo disputato una buona partita. Siamo entrati in campo con il piglio giusto fin dal primo minuto. Sì, ci sono stati buoni segnali ma adesso serve continuità nelle prestazioni e nei risultati, una grande squadra si riconosce da questo”.

PARTITA CON MENO INTENSITA’? MI DAREBBE FASTIDIO
Tradotto in soldoni: “contro il Ferencvaros l’approccio deve essere come se si giocasse una finale. Ci serve per la crescita” argomenta ancora Pirlo alla vigilia del match. “Se ci fosse meno intensità – precisa – mi darebbe molto fastidio”.

ALEX SANDRO A SINISTRA, DANILO CENTRALE
La partita di domani sera sarà dunque “decisiva per la qualificazione” dobbiamo “trovare continuità perché senza quella non siamo la Juve” rimarca ancora il trainer della Vecchia Dignora. E a proposito della gara, oggi si è fermato Demiral e, con Bonucci e Chiellini già ai box, causa infortuni, in difesa è vera emergenza. “Sono rimasti in quattro, giocherà Alex Sandro a sinistra e Danilo al centro” è l’annuncio dell’allenatore mentre, in attacco “Dybala sta ritrovando forza nelle gambe, valuteremo domani se partirà dall’inizio”.

BALLOTTAGGIO CHIESA KULUSEVSKI
E sempre a proposito di formazione e del ballottaggio fra Kulusevski e Chiesa. “Vediamo come stanno domani, Kuluseveki ha giocato tante partite. Chiesa rientra da un infortunio, non è ancora pronto per fare tutti i 90 minuti. Ma vedremo chi starà meglio

CHIUDERE DISCORSO QUALIFICAZIONE
Fondamentale, in ogni caso, è arpionare i tre punti per chiudere, quanto prima, il discorso qualificazione “così da dare respiro a qualche giocatore per eventuali rotazioni future”è l’auspicio del tecnico della Juventus. “In questo modo, avremmo due partite contro Dinamo Kiev e Barcellona da affrontare in maniera diversa – continua Pirlo – e avremmo più focus sul campionato“.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single