L’ANALISI. I braccianti stranieri sono raddoppiati in 7 anni

La moderna schiavitù. Così mafia e caporali sfruttano il Piemonte

A Saluzzo una baraccopoli abitata da africani. I nigeriani al vertice della piramide criminale

All’apparenza sembrano così rassicuranti e bucoliche, piene di idilliaci paesaggi collinari coltivati con dedizione e rispetto della terra. Scenari da cartolina. Invece, scavando più a fondo, si scopre che anche le campagne della nostra regione nascondono un lato oscuro fatto di sfruttamento, anche minorile, illegalità diffusa e paghe da terzo mondo per lavorare in condizioni disumane. La piaga del caporalato, in Piemonte, c’è eccome.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single