CIRCOSCRIZIONE 8

Le banchine killer di via Nizza: «Rischio incidenti altissimo»

I lavori della pista ciclabile cancelleranno altri 170 posti auto

La pista ciclabile di via Nizza sarà presto realtà. Peccato che ancora oggi la sicurezza resti un vero e proprio optional. Basti pensare al tratto compreso tra piazza De Amicis e piazza Carducci dove una serie di piccole banchine killer, propedeutiche alla realizzazione della futura ciclabile, stanno mandando in confusione gli automobilisti. Di giorno, tanto quanto, è difficile non vederle ma è di sera, con la poca illuminazione presente, che si trasformano in delle vere trappole. Le auto dirette verso la zona Lingotto rischiano, infatti, di scontrarsi con il salvagente che all’improvviso, dopo l’incrocio con corso Dante e la fermata della metropolitana, si palesa pericolosamente alla destra del guidatore.

«Obbligano a un restringimento di carreggiata – racconta Paolo, autore della segnalazione – con il rischio di scontri o, peggio, di frontali. Sono davvero pericolosissimi». Un problema che potrebbe presto risolversi, così sostiene la Circoscrizione 8. «Si tratta di un disagio temporaneo – racconta il coordinatore all’Urbanistica, Massimiliano Miano -. Sono i lavori della ciclabile che diminuiranno la porzione di carreggiata in favore della ciclopista e del marciapiede. Ora come ora è effettivamente pericolosa ma siamo sicuri che sia solo una fase temporanea». Ma con l’avvento della ciclabile, e i nuovi marciapiedi pro disabili, le auto non potranno più parcheggiare all’incrocio con le vie. «Si perderanno – continua Miano – 170 posti auto. Sicuramente una mazzata per chi cerca parcheggio per andare a San Salvario».

Sullo stesso argomento è intervenuto anche il presidente della Otto, Davide Ricca. «Non bisognava bocciare il progetto via Nizza e via Madama a senso unico – conclude Ricca -. Questi, ovviamente, sono i risultati. Ormai si potrà viaggiare soltanto a una corsia per senso di marcia». I residenti e i commercianti attendono l’ultimazione dei lavori ma le preoccupazioni non mancano di certo. «Senza posti auto dove andremo a parcheggiare?».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single