Nel 2017 sono state oltre 11.000 le immatricolazioni in più tra le due ruote grazie a moto e scooter

Il settore delle due ruote chiude il 2017 in positivo con un totale immatricolato (veicoli >50cc) che ha raggiunto 204.406 vendite pari al +5,4% rispetto al 2016.
Le moto hanno continuato il percorso virtuoso dell’anno scorso con 82.475 pezzi e un +8,5%, mentre gli scooter, che rappresentano il 60% del mercato, totalizzano 121.931 unità e hanno realizzato un +3,4%. Le registrazioni dei “cinquantini” arrivano a 23.874 veicoli con un incremento pari al +2,7%. Il totale complessivo delle 2 ruote a motore arriva a 228.280 unità pari al +5,1% rispetto all’anno scorso. Leggera ripresa per i 50cc che superano i volumi dell’anno scorso.
I prossimi tre anni serviranno a recuperare i livelli pre-crisi. Il settore dovrà puntare con decisione al rinnovo del parco circolante. Sono troppi i veicoli obsoleti: circa il 50% ha superato i 10 anni e quasi il 30% è ancora EURO zero. In quest’ottica Confindustria Ancma si impegnerà anche nella prossima legislatura in politiche di sostegno al mercato, per la sicurezza e per la mobilità a 360°.

L’analisi per cilindrata negli scooter conferma la leadership del segmento tra 300 e 500cc con i maggiori volumi pari a 42.556 pezzi e un incremento pari al +17,3%, al secondo posto troviamo la categoria dei 125cc con 42.037 unità e un -4,8%. In calo i 150-250cc con 25.755 immatricolazioni pari al -11,7%. Ottimo risultato per i maxiscooter oltre 500cc che con 11.583 veicoli segnano una crescita record pari al +40,1%.

L’approfondimento per le moto evidenzia la cilindrata da 800 a 1.000cc che totalizza i maggiori volumi con 24.682 pezzi pari al +12,2%. Indiietro in classifica le oltre 1000cc che con 22.259 immatricolazioni crescono un po’ meno pari al +7%. Buon andamento anche per le cilindrate tra 650-750cc che con 14.455 moto registrano un +14,4%.

Perdono volumi le cilindrate tra 300 e 600cc con 10.381 pezzi e un -3,9%. Più sensibile il calo delle 150-250cc con 2.395 vendite e un -19,4%. Al contrario le 125cc registrano la migliore performance raggiungendo 8.303 moto e una crescita pari al +22,4%, a testimoniare un rinnovato interesse per le moto da parte di classi di età più giovani.

La situazione dei segmenti conferma il successo delle naked con 30.973 moto e un incremento pari al +15,9%. Seguono le enduro stradali con 26.402 veicoli e una crescita pari al +3,4%. Al terzo posto troviamo le moto da turismo con 11.505 unità e un +13,2%, poi arrivano le custom con 5.346 pezzi e un +0,9%. Le sportive mostrano una discreta ripresa con 4.314 immatricolazioni e un incremento del +9,1%, infine si registra il calo delle supermotard che con 2.943 pezzi scontano un -4,4%.