Nella sessione dei crash test Euro NCAP di novembre 2017 hanno ottenuto 5 stelle tutte le auto analizzate, alcune da poco sul mercato

Nei crash test di novembre 2017 i risultati sono stati molto positivi. Delle otto auto analizzate, tutte hanno ottenuto il massimo dei voti, le ambite 5 stelle Euro NCAP. Le auto esaminate sono state: Volvo XC60, Volkswagen T-Roc e Polo, Mitsubishi Eclipse Cross, Seat Arona, Skoda Karoq, Citroën C3 Aircross e Opel Crossland X.

Partiamo dalle due Volkswagen. La Polo l’unica city-car testata tra i tanti SUV, se l’è cavata discretamente. L’unica pecca e è stata solo nell’urto pedone. Stesso difetto è stato riscontrato nel SUV Volkswagen T-Roc che però, a differenza della Polo, ha ottenuto dei risultati molto positivi nella protezione adulti, nelle dotazioni di sicurezza e nella protezione dei bambini.

La Volvo XC60 è stata la migliore in assoluto. Il SUV della Casa svedese ha ottenuto i punteggi più alti in tutte le categorie, soffiando il primato alla T-Roc. Un bel risultato per la Volvo che mira ad affermarsi nel segmento. Anche la Seat Arona ha ottenuto importanti risultati per la sicurezza dell’urto. Tuttavia la sua prestazione non è stata eccellente per quello che riguarda livello di protezione del torace e del collo dei bambini a bordo.

Lo stesso difetto è stato riscontrato nella Skoda Karoq. Gli analisti Euro NCAP non sono stati convinti dal livello di sicurezza per i bambini a bordo a livello di torace e collo nell’urto frontale “parziale”. Passando a Citroën C3 Aircross e Opel Crossland X, l’assenza della frenata automatica (prevista solo come optional) le ha penalizzate in maniera rilevante. Per la Opel, i tecnici hanno evidenziato delle criticità nella protezione del torace del passeggero posteriore. Mentre la crossover francese ha mostrato difetti anche lei nell’urto pedone. L’urto pedone è stato un difetto riscontrato in molte. L’unica che ha brillato in materia è stata la Mitsubishi Eclipse Cross.

(Immagini tratte dal sito ufficiale Euro NCAP)