RoadReader, prima auto guidata dall’intelligenza artificiale di Huawei

0
26

Sviluppato in pochissimi giorni, RoadReader è pronto alla prova del pubblico

Un’auto che si guida grazie ad uno smartphone. Il progetto prende il nome di RoadReader. Nell’era dello sviluppo della guida autonoma anche Huawei, leader globale nella tecnologia, sviluppa un progetto dedicato alla mobilità del futuro.

RoadReader consente di utilizzare uno smartphone, in questo caso un Huawei mate 10 Pro, dotato di intelligenza artificiale, per muovere un veicolo anche senza conducente. Il progetto, sviluppato in appena 5 settimane, ha consentito a Huawei di trasformare una Porsche Panamera in un veicolo che è in grado di vedere e capire tutto ciò che lo circonda.

Il programma permette di distinguere tra 1.000 diversi tipi di oggetti, tra cui ad esempio una palla o una bicicletta, o tra un gatto e un cane e percorrere la direzione più appropriata. Il dispositivo utilizza infatti l’intelligenza artificiale per riconoscere automaticamente i soggetti che vengono inquadrati, come gatti, cani o cibo. Il dispositivo inizialmente è nato per aiutare gli utenti a scattare foto da veri professionisti, ma si è rivelato estremamente versatile e di facile rielaborazione.

Presentato al Mobile World Congress di Barcellona. Sempre a Barcellona nei giorni 26 e 27 febbraio verrà messo alla prova pubblicamente dando vita ad una vera e propria experience di guida autonoma. Gli appassionati avranno la possibilità di testare direttamente l’auto, insegnandole come identificare ed evitare determinati ostacoli.