Rivisitata nel design e con l’incognita Halo

Svelata a Maranello la nuova Ferrari di F1 per il campionato mondiale del 2018. Presenti il presidente Sergio Marchionne, i piloti Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen e Piero Ferrari. La monoposto prenderà il nome di SF71H.

Di colore rosso acceso, un dettaglio particolare spicca su tutti: una sorta di “gabbia” inedita davanti all’abitacolo. La vettura si caratterizza per muso del tutto nuovo, che si restringe in punta. Proprio sul muso è visibile uno spazio lasciato bianco, probabilmente appartenente allo sponsor principale: Philip Morris.

Sebastian Vettel nella conferenza stampa sulla nuova Ferrari, si è così espresso riguardo all’introduzione per regolamento della nuova “gabbia”, chiamata Halo: “Non credo che lo Halo darà fastidio, ritengo che sia molto meno intrusivo di quello che pensavo. Tutti ci abitueremo al suo utilizzo”.

Il team principal della scuderia Ferrari Maurizio Arrivabene,  si è dichiarato orgoglioso del lavoro fatto e ribadisce che si tratta di un’eccellenza italiana: “Abbiamo lavorato consapevoli di costruire una Ferrari e questo ci rende orgogliosi e rappresenta un esempio di eccellenza italiana”. Ha aggiunto durante la presentazione della SF71H: “La Ferrari è diversa perché è fatta in Italia, qui a Maranello. E ciò crea il grande feeling. Un pensiero va ai ragazzi che hanno contribuito a questa macchina, pezzo per pezzo, dal design all’aerodinamica, fino al lavoro intellettuale. Tutti stanno in piedi (ha detto indicando gli ingegneri e gli uomini in rosso dietro alla vettura) questo è segno di rispetto ma anche di grande consapevolezza“.

Il direttore tecnico della Scuderia Ferrari, Mattia Binotto, annuncia una SF71H performante sui circuiti veloci: “Siamo partiti dal progetto dello scorso anno, che già era una buona base. Abbiamo mantenuto i concetti aggressivi. La SF71H ha un corpo vettura più stretto ed è stata costruita per essere performante anche nei circuiti ad alta velocità“.