La terza generazione della Toyota Auris sarà svelata il 6 marzo, nel corso della prima delle giornate stampa del Salone internazionale dell’auto di Ginevra. La presentazione è stata però anticipata da un’immagine che ne mostra la parte superiore della fiancata.

La Casa giapponese ha già comunicato che il nuovo modello sarà prodotto per l’Europa nello stabilimento inglese di Burnaston, nel Derbyshire. I motori che verranno montati sulla vettura proverranno prevalentemente da un’altra fabbrica britannica, quella situata in Galles nella località di Deeside.

Per adeguare l’impianto all’assemblaggio della nuova Auris, il costruttore ha investito negli scorsi mesi oltre 240 milioni di sterline. Inoltre, sono state aggiornate le attrezzature e le tecnologie produttive degli impianti. Tutto questo si è reso necessario poiché la nuova Auris nasce sulla piattaforma modulare TNGA (Toyota New Global Architecture) non ancora introdotta Oltremanica.

Tra le novità della Auris, da segnalare l’adozione dell’alimentazione ibrida basata sull’utilizzo di un motore elettrico accoppiato a un 2.0 a benzina.

Durante l’annuncio della futura pianificazione industriale, Johan van Zyl, presidente e CEO di Toyota Motor Europe, ha dichiarato:

”Produrre localmente veicoli basati su TNGA è una parte fondamentale del nostro piano per rafforzare la competitività globale dei nostri impianti. Come azienda, stiamo facendo il possibile per garantire la competitività delle nostre attività nel Regno Unito come centro di produzione leader per le nostre attività europee. Con circa l’85% della nostra produzione di veicoli nel Regno Unito esportata nei mercati europei, il proseguimento degli scambi liberi e senza attriti tra il Regno Unito e l’Europa sarà vitale per il successo futuro’‘.