Vespa lancia una versione speciale, prodotta in edizione numerata della Vespa Sport ”Sei Giorni”del 1951, che ha conquistato 9 medaglie d’oro

La ”Sei Giorni Internazionale di Varese” del 1951 ha visto un assoluto protagonista sulla scena. Una moto che ha dominato la competizione e vinto 9 medaglie d’oro. Si tratta della Vespa Sport Sei Giorni: un modello entrato nella leggenda progettato e realizzato appositamente per la gara.

La base tecnica della nuova Vespa Sei Giorni è quella moderna della GTS, ma sono evidenti i richiami al passato come il faro basso posizionato sul parafango anteriore, il piccolo cupolino, i dettagli del manubrio cromati e i comandi e la strumentazione vintage. La scocca è in acciaio, i cerchi e il terminale sono neri, la sella che sembra la classica monoposto Vespa e i loghi su cerchi e coda sono rossi. Dettagli che esaltano la sportività. Immancabili i colori storici e i portanumero sullo scudo e sul codone che riportano lo storico numero Sei, un tributo alla Squadra Corse di allora.

La nuova Vespa Sei Giorni adotta la più potente motorizzazione nella storia della Vespa. Si tratta del monocilindrico da 278 cc, quattro tempi, quattro valvole, raffreddato a liquido a iniezione elettronica. Euro 4, è capace di erogare una potenza di 15,6 kW (21,2 CV) a 7.750 giri e una coppia massima di 22 Nm a soli 5.000 giri.

Un omaggio al passato, con uno sguardo al futuro. La Vespa Sei Giorni è dotata del sistema Vespa Multimedia Platform: permette di connettere il proprio smartphone alla Vespa potendo così visualizzare informazioni tecniche su di velocità, consumi di carburante, oltre che tutte le informazioni necessarie sul viaggio. Il prezzo di base è di 6.290 Euro.