Più risorse per le non autosufficienze, borse di studio, infanzia, turismo, trasporti e territorio

Regione Piemonte, via libera al piano di assestamento del bilancio

Il Consiglio approva il provvedimento, bocciate tutte le proposte delle opposizioni

Il palazzo della Regione Piemonte

Via libera dal Consiglio regionale al piano di assestamento del bilancio 2017-2019. Affrontati a tempo di record oltre 250 emendamenti, più 40 fra mozioni e ordini del giorno collegati al provvedimento, che aumenta le risorse su diversi fronti, da quello delle non autosufficienze alla copertura totale delle borse di studio universitarie, dalle risorse per l’infanzia a quelle destinate allo sviluppo del turismo montano, fino ai trasporti e agli interventi di salvaguardia dei fiumi e di ripristino del territorio boschivo.

NO AGLI EMENDAMENTI

Aspra le protesta delle opposizioni, i cui emendamenti sono stati tutti bocciati ad eccezione di quelli che non prevedevano impegni finanziari. Altri sono stati modificati dai proponenti escludendo proprio la parte economica e solo dopo questa correzione approvati.

LA DIFESA DELL’ASSESSORE AL BILANCIO

“Il mio dovere è garantire una gestione non ragionieristica dei conti della Regione”, ha spiegato il vicepresidente e assessore al Bilancio, Aldo Reschigna. “Sono stato oltre due mesi in Commissione, poi ho presentato un maxiemendamento frutto di scelte politiche. Purtroppo la nostra coperta è questa, il primo a soffrirne sono io come assessore al Bilancio, e lo sono tutti i miei colleghi assessori, che si stanno facendo carico di ripianare debiti che sono stati costruiti da altri”.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single