Il candidato sindaco del partito di Berlusconi commenta l'esito del voto

Napoli (FI): “Faremo opposizione seria”. Libertà di voto al ballottaggio

“La nostra sarà un’opposizione seria, non preconcetta, sui contenuti e non sulle parole”. Così il candidato sindaco di Torino di Forza Italia, Osvaldo Napoli che nel corso di un incontro con la stampa per commentare l’esito del voto amministrativo, ha aggiunto “la nostra sarà una presenza costante perché parte da qui il rilancio totale di Fi a Torino”. 

LIBERTA’ DI VOTO AL BALLOTTAGGIO

“Partiamo da una constatazione, gli elettori in questa tornata elettorale hanno concentrato i propri voti su quei partiti e quelle coalizioni che avevano chance di vittoria. Le divisioni non pagano, anzi ci penalizzano essendo forza di governo”. Lo hanno dichiarato il coordinatore regionale e il vicecoordinatore regionale di Forza Italia Gilberto Pichetto e Osvaldo Napoli commentando i risultati elettorali nel capoluogo piemontese. Pichetto spiega: “La divisione della coalizione di centrodestra in tre coalizioni separate a torino ha decretato una sconfitta a prescindere, per tutto il raggruppamento di forze moderate. A nessuno sarà sfuggito che perdono voti, rispetto alle precedenti consultazioni amministrative, tutti i nostri partiti. Penso che sia necessario superare le divisioni sulla leadership e giocare invece una partita per ricostruire una alternativa credibile e competitiva alle sinistre. In Piemonte nei Comuni sotto i 15mila abitanti abbiamo però confermato molti nostri sindaci, quale ad esempio il primo cittadino di Pianezza Antonio Castello, e ne abbiamo acquisiti alcuni nuovi in altri importanti centri della regione quali ad esempio Simone Nosenzo a Nizza Monferrato”.

BATTAGLIA IN SOLITUDINE
Napoli ha aggiunto: “La mia è stata una battaglia in solitudine con un solo mese di campagna elettorale utile per poter convincere gli elettori a votarci. Deve essere chiaro: questa attesa è stata una scelta di responsabilità dettata dallo strenuo tentativo di tenere unita la coalizione. Nonostante questo poco tempo a disposizione abbiamo ottenuto un risultato dignitoso, superiore anche a quello di Forza Italia a Roma, dove erano in campo ben altre risorse umane e finanziarie. Insomma credo che ci sia lo spazio per costruire un centrodestra di nuovo forte: la mia sarà una opposizione seria, senza preconcetti e mirata sempre a dare risposte concrete ai cittadini”. Concludono i due azzurri: “Per quanto riguarda il partito c’è tanto spazio per ricostruire il centrodestra. Partiamo ad esempio dalle circoscrizioni dove abbiamo delle giovani leve sulle quali investire. Per quanto concerne il ballottaggio: è tramontato il tempo delle indicazioni di voto. Dove c’è un candidato di centrodestra impegnato, di qualsiasi partito sia, l’invito è a sostenerlo. Laddove vi siano candidati di altre formazioni partitiche siamo certi che gli elettori sapranno ben scegliere il migliore dei due” 

 

loop-single