PIAZZA SOFIA

Due persiani nei trasportini lasciati vicino al cassonetto

I gatti stanno bene. Le volontarie di Gattagorà: «Troppi abbandoni»

Li hanno messi dentro un trasportino e abbandonati vicino ad un bidone dell’immondizia, in piazza Sofia. Due bellissimi persiani, uno tutto nero e uno rossiccio, hanno rischiato di morire di fame e di stenti se l’attenzione di un passante non fosse caduta su quelle due palle di pelo, rinchiuse dentro una gabbietta e con nessuna possibilità di uscire. La persona che li ha soccorsi ha subito contattato l’associazione Gattagorà che si è recata sul posto. I due gatti, impauriti, sono stati sfamati, liberati e portati in una clinica veterinaria, per stabilire la loro età e il loro stato di salute.

Non sembrano esser stati maltrattati ma al momento sono molto diffidenti verso gli umani, e visto quello che hanno vissuto sulla loro pelle è anche comprensibile che sia così. Ma con l’andare avanti dei giorni, e le somministrazioni di cibo, la loro fiducia nell’essere umano crescerà. «Uno soffia e non si lascia tanto avvicinare – racconta Gabriella -, l’altro è molto spaventato, ancora non si rende conto di essere in salvo. Tuttavia non sembrano in pericolo di vita». A preoccupare, però, è il continuo abbandono degli amici a quattro zampe, specie dei gatti. «In piazza Sofia è già il secondo episodio in poche settimane, siamo molto preoccupate» racconta una delle volontarie di Gattagorà. Senza dimenticare il caso di Fiocco di Neve, gettato in pasto ai cani randagi di lungo Stura Lazio, o i quattro mici abbandonati in un cassonetto dell’immondizia, in corso San Maurizio angolo via Montebello.

Destinati a morte certa, probabilmente per asfissia e mancanza di cibo. E ancora una volta salvati per una coincidenza. Chiunque volesse adottare i due nuovi mici arrivati può scrivere all’indirizzo di posta elettronica gattagora.adozioni@gmail.com oppure chiamare Gabriella al numero di telefono 334.5261428, volendo anche per cibo o aiuti economici. Le colonie, infatti, sono sempre più zeppe di gatti. Oltre 400 quelli ospitati a Torino. «E dare da mangiare a tutti- conclude Gabriella – è sempre più complicato»

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single