IL FATTO

Spaccio in un circolo privato di Torino: 17 kg di marijuana sequestrati, arrestato il vicepresidente [FOTO e VIDEO]

L'uomo, 28 anni, era il "gestore" dei traffici illeciti: è stato trovato in possesso di 5mila euro in contanti, dieci chiavi e guidava auto senza patente

Spaccio in un circolo privato: 17 kg di marijuana sequestrati

Gli agenti del Commissariato Dora Vanchiglia hanno arrestato un 28enne italiano, vicepresidente di un circolo privato di via Cuneo a Torino, per detenzione e spaccio di droga.

LE INDAGINI
Una serie di indagini hanno portato al locale di via Cuneo, controllato mercoledì sera dai poliziotti coadiuvati da personale del Reparto Prevenzione Crimine. Il sospettato principale era il vicepresidente del circolo, presunto “gestore” dei traffici illeciti.

LA PERQUISIZIONE AL CIRCOLO
Perquisendo il locale, gli agenti hanno trovato tra le spezie posizionate sul bancone della cucina un panetto di hashish di circa un etto, all’interno del forno a microonde 5000 euro in contanti ed alcuni frammenti tra marijuana ed hashish. Un bilancino di precisione, invece, era stato occultato nella parte posteriore dell’elettrodomestico. Quattro diversi telefoni cellulari vengono rinvenuti dai poliziotti dietro il bancone, uno dei quali nascosto all’interno del registratore di cassa.

NELLE TASCHE DEL SOSPETTATO DIECI CHIAVI ED UN TELECOMANDO
Proseguendo i controlli, singolare è stato il rinvenimento nelle tasche del vice presidente di circa dieci chiavi ed un telecomando. Dalle verifiche effettuate sull’autovettura in uso all’uomo è emerso come questi non avesse mai conseguito la patente di guida e che il veicolo in suo possesso appartenesse ad una terza persona a cui era stato precedentemente sequestrato per mancanza di copertura assicurativa.

I CONTROLLI NEL DEPOSITO: 17 KG DI MARIJUANA SEQUESTRATI
Il deposito indicato nella documentazione riportava un indirizzo in zona Barriera Milano: gli agenti del commissariato si portano presso l’indirizzo indicato, uno stabile di box disposto su tre livelli. Alcune delle dieci chiavi rinvenute in fase di perquisizione hanno permesso l’apertura del cancello principale d’accesso e di alcuni box indicati dal 28enne. Durante il controllo di uno di questi, il cane antidroga Evan ha improvvisamente manifestato il proprio interesse verso un box che non era stato segnalato dall’uomo. Una volta al suo interno, gli agenti hanno trovato un borsone contenente 16 confezioni di marijuana per un peso di oltre 17 kg, sulle quali erano indicate le diverse qualità, oltre ad un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

loop-single