Domani la Juventus affronta la Lazio. "E' una squadra che abbiamo sempre rispettato"

SUPERCOPPA. La vigilia speciale di Buffon. “Ricomincio con una strana euforia. Per noi gara importantissima”

Questa potrebbe essere l'ultima stagione per il capitano. "Abbiamo voglia di vincere ancora"

Domani prima gara stagionale ufficiale per la Juventus, che all’Olimpico affronterà la Lazio in Supercoppa.

Il primo a parlare è Gigi Buffon. Per il capitano bianconero questa potrebbe essere la sua ultima annata come giocatore. “Da quando è cominciata la stagione ho una strana euforia, che probabilmente è figlia anche di quel pizzico di follia che mi ha portato fin qui oggi. Domani sarà una gara importantissima per la Juventus e voglio assaporare questo tipo di emozioni nel miglior modo possibile”.

A Roma sarà la prima anche senza Bonucci. “La difesa della Juventus la vedo come tutti gli altri anni. E’ forte e sarà un punto di forza per la squadra come lo è sempre stato. Avremo caratteristiche un po’ diverse, ma i giocatori che la compongono non hanno nulla da invidiare a nessuno. E questo basta e avanza per avere un certo tipo di ottimismo e di certezze. Nelle amichevoli di precampionato con tanti cambi durante la gara i gol si possono prendere, ma abbiamo subito delle critiche strumentali. Solo fra 15 partite ci saranno i primi verdetti. Adesso non ha senso”.

Sul suo successore. “Szczesny è sicuramente l’uomo giusto. La società ha acquistato quello che è stato il miglior portiere della scorsa stagione ed ha già un’esperienza internazionale importante. Non ha fatto alcun tipo di errore la Juventus e conoscendo Pec, posso confermare il giudizio sul giocatore ed inoltre è un ragazzo che si inserirà benissimo”.

Per quanto riguarda la Lazio, Buffon mantiene la calma. “Sicuramente credo ci siano tutti gli elementi e la condizioni per una grande gara. Al di là dell’avversario, che negli ultimi anni con noi ha sempre fatto fatica perché l’abbiamo sempre rispettato. E così sarà anche domani. Mi auguro che questa striscia positiva continui”.

Infine una riflessione su tutti i successi ottenuti nel corso degli ultimi anni. “Come si può perdere non si può vincere in eterno. Aver vinto per sei anni di fila è un qualcosa di straordinario. Se in 100 anni di campionato nessuno l’ha mai fatto, parliamo di numeri giganteschi. Abbiamo consapevolezza, che gli avversari si sono rinforzati, ma abbiamo la certezza che noi siamo sempre gli stessi e se lo dimostreremo in campo sono convinto che saremo sempre là”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single