IL REPORTAGE. UN NEGOZIO SU TRE È ANDATO IN VACANZA

TORINO CHIUSA PER FERIE. Corso Vittorio e via Po sembrano un deserto: «Ma dov’è il turismo?»

«Sono solo stranieri, gli italiani sono scomparsi». E i visitatori si riversano tra le griffe di via Roma

«Dove sono finiti i turisti?». È questa la domanda che rimbalza di bocca in bocca tra i negozianti di via Po e corso Vittorio Emanuele II. Il centro della città è costellato di serrande abbassate e i pochi commercianti che hanno deciso di sfidare la serrata della settimana di Ferragosto si affacciano sconsolati dalle vetrine dei loro negozi, osservando lo scarso via vai dei passanti. Al punto che ci si trova davanti a un centro spaccato in due: da un lato c’è via Roma, la via dello shopping, apprezzata dai turisti stranieri che la frequentano e si fermano a fare acquisti; dall’altro, invece, via Po: eterna cenerentola, dove un negozio su due è chiuso per ferie.

«Restiamo aperti per motivi economici – raccontano Giorgio e Marianna, che da oltre 20 anni gestiscono insieme il bar-orologeria “Gold River” di via Po -. Cerchiamo di portare a casa qualche soldo in più, ma c’è pochissimo movimento di clienti. I turisti non so davvero dove siano». Allo stesso modo, anche dal negozio di dischi “Materiale resistente” lamentano la mancanza di visitatori.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single