Emergenza covid

Torino, scatta la riduzione delle tariffe scolastiche: tutte le info

Appendino: “Aiuto concreto a migliaia di famiglie in difficoltà”

Chiara Appendino

“Oggi, grazie all’iniziativa dell’assessora Antonietta Di Martino, abbiamo raggiunto un importante obiettivo per migliaia di famiglie torinesi. Parliamo di iniziative per la riduzione o addirittura l’esenzione del costo di alcuni servizi scolastici”.

Lo ha annunciato su Facebook la sindaca di Torino, Chiara Appendino, che poi spiega il piano nel dettaglio:

“Nei casi di chiusura obbligatoria o precauzionale dei nidi comunali a gestione diretta in appalto o in convenzione, è previsto il rimborso o l’esenzione totale dal pagamento del servizio. E, allo stesso modo, la quota per la ristorazione scolastica nelle scuole dell’infanzia” scrive.

“Per ciò che riguarda le scuole dell’obbligo, la quota annuale del servizio di ristorazione è ridotta del 15% per tutti i casi. Non solo, in caso di assenza, per qualsiasi motivo, verrà esentata dal pagamento anche la quota giornaliera fissa (oltre, ovviamente, all’importo del pasto). Una marcata differenza rispetto all’anno scorso, quando questa quota era sostenuta anche nei casi di mancata fruizione del pasto” aggiunge la sindaca.

“Si tratta di un aiuto concreto a migliaia di famiglie in difficoltà, che va a tutelare proprio quello che per noi è uno dei settori prioritari della vita di una comunità. Ovvero la scuola e i suoi servizi. Portiamo così avanti un asse del nostro programma che era e rimane proprio l’agevolazione alle famiglie nella fruizione dei servizi scolastici” conclude Appendino.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single