E' il terzo caso in due giorni nel capoluogo piemontese

TRAGEDIA SUL LAVORO. Torino, precipita da un’impalcatura a due passi dalla Mole: morto operaio LE FOTO

L'uomo è caduto in via Riberi. Inutili i tentativi di rianimarlo del 118. Il cantiere era stato già oggetto di polemiche nei mesi scorsi

Altra tragedia sul lavoro a Torino all’indomani della commemorazione dei 10 anni della vicenda Thyssen-Krupp. Un operaio di 48 anni è morto nel pomeriggio dopo essere precipitato da un’impalcatura in via Riberi 6, a due passi dalla Mole Antonelliana.

Sul posto sono subito giunti i sanitari del 118, ma per la vittima non c’è stato più nulla da fare. Terzo incidente sul lavoro in poco meno di due giorni nel capoluogo piemontese, che in questo periodo sembra a dir poco maledetto.

CANTIERE DISCUSSO. C’erano state già delle polemiche sul cantiere che è costato la vita a un operaio di 49 anni oggi a Torino in via Riberi 6.

Il primo progetto dei lavori prevedeva la realizzazione di un lussuoso palazzo a sette piani, osteggiato però dal comitato “Salviamo la Mole”.

Alla fine l’idea fu abbandonata perché fu imposto anche lo stop dal Ministero della Soprintendenza. La zona d’interesse della Mole, infatti, è vincolata dal 1995 a un Piano Regolatore e, con esso, a una serie di paletti riguardanti l’edificazione in quest’area: eventuali ristrutturazioni e riconversioni devono tenere conto dell’architettura preesistente.

Quello che da tutti era stato definito l’eco-mostro da giugno è stato rilevato dalla Holding 18. Per ristrutturarlo era stato perfino indetto un workshop, in collaborazione con il Politecnico di Torino. Nel frattempo la polizia indaga sull’incidente.

loop-single