VALENTINO

I tossici si aprono altri varchi, Rotonda in balia del degrado

Aspettando l'assegnazione dei locali, regnano ancora i soliti problemi

Solo l’assegnazione dei locali della vecchia Rotonda del Valentino di corso Massimo D’Azeglio potrà cancellare una degrado che ormai dura da 6 anni. Tra rifiuti, tossici e disperati una delle discoteche più importanti del parco si è trasformata in una gigantesca narcosala. I recenti interventi delle forze dell’ordine, che hanno sigillato i cancelli, non sono bastati a tenere lontani i disperati.

In prossimità di viale Boiardo è comparso un nuovo accesso. Piccolo, ma sufficiente a garantire il passaggio di una persona per volta. Da quando il locale è caduto in disgrazia, la Rotonda è diventata un luogo tranquillo dove bucarsi. Clandestini e senzatetto hanno trovato un rifugio per la notte nelle stanze della vecchia discoteca dei vip. Dentro si può trovare di tutto e di più.

Lo sanno bene i frequentatori del parco che notano ogni giorno i via vai, a dir poco sospetti, di decine di persone. Non le belle signorine che un tempo si affiancavano a baldi giovani, ma loschi figuri che attraverso un cancello rotto hanno trovato la loro oasi della disperazione.

E pensare che per anni è stata un’icona dell’intrattenimento «per diversi universitari e non, per diverse generazioni con il mercoledì e i sabati universitari – raccontano gli ex organizzatori Walter Caputo e Francesco Pistarà (One Night Fashion) -. Purtroppo non è un bel periodo per il settore dell’intrattenimento, ma speriamo, con il bando, che qualcosa cambi».

La speranza, ora, è affidata a quelle quattro offerte pervenute nei giorni scorsi. Tra i nomi di coloro che gareggiano per aggiudicarsi la Rotonda figurano alcune vecchie conoscenze del panorama imprenditoriale torinese. Una proposta è giunta da Giorgio Fenoglio del Joy&Joy; un’altra è stata presentata dalla società Cubo Srl di Leinì (conosciuta a Torino per il Club84). Spiccano poi due donne, Rosalia D’Anna e Francesca Castagna. Le tempistiche per l’assegnazione dovrebbero essere relativamente snelle, visto il numero limitato delle buste ricevute. L’idea è che tutto possa essere risolto entro fine mese.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single