CASALE MONFERRATO

Uccide il marito a coltellate e spunta una donna misteriosa

Tragedia per una coppia gay che si era sposata solo tre anni fa

A sinistra: Luca Meloni. A destra: la vittima, Fabio Spiga

Gelosia, ma forse c’è dell’altro, e qualcosa di molto diverso, dietro l’orrendo crimine avvenuto la notte scorsa a Casale Monferrato dove, Luca Meloni ha ucciso a coltellate il marito, Fabio Spiga, 43 anni, direttore vendite all’Eurospin della città. Una coppia omosessuale regolarmente sposata e che da qualche anno, per motivi di lavoro della vittima, si era trasferita ad abitare in Piemonte, dopo una parentesi in Liguria. Entrambi gli uomini sono di origine sarda, ma «erano letteralmente fuggiti dalla loro terra per i pregiudizi della gente», spiegano oggi i colleghi di lavoro della vittima. «Vivevano insieme da molti anni – aggiunge Laura, una commessa di Eurospin -, era un rapporto stabile il loro e mi sembravano felici, non avevano mai nascosto la loro omosessualità, anche se non la avevano mai ostentata. Insomma, due persone perbene. Non riesco a credere che uno abbia ucciso l’altro, qualcosa non torna». Eppure il cadavere di Spiga è stato trovato riverso a terra nell’appartamento della coppia, al primo piano di un palazzo in centro città, in vicolo Legnano.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single