IL FATTO

Via libera ai cantieri sulla Asti-Cuneo: «Sbloccata un’opera ferma da anni»

Lega e Movimento 5 Stelle si contendono il merito. Cirio esulta: «Giornata storica»

L'immagine postata dal governatore Cirio sul suo profilo Facebook nell'annunciare il via libero al completamento dei lavori sulla Asti-Cuneo

Via libera dal Cipe al completamento della Asti-Cuneo. I nove chilometri che mancano al completamento dell’autostrada, i cui lavori sono fermi dal 2012, saranno eseguiti al più presto dalla società concessionaria del gruppo Gavio, col supporto del piano finanziario approvato in mattinata.

A darne notizia il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, con un post su Facebook. “Questa è una giornata storica”, scrive Cirio. “Ora possono finalmente ripartire i cantieri per completare un’opera che il nostro territorio aspetta da trent’anni”. Cantieri che, negli ultimi mesi, erano stati bloccati dal ministero dei trasporti.

Soddisfazione per lo sblocco dell’opera e di altre importanti infrastrutture nazionali, è stata espressa dal premier Giuseppe Conte: “Lo avevamo promesso, la Asti-Cuneo sarà completata e si tratta di un’opera la cui concessione risale a trent’anni fa. Via libera anche al collegamento viario tra Ragusa e Catania“.

Puntuale arriva anche la nota del vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini: “Il via libera oggi da parte del Cipe al piano finanziario per il completamento dell’Asti-Cuneo è una grande vittoria della Lega e del territorio, conquistata dopo oltre dieci anni di attese e rinvii: i lavori sono pronti a partire”.

+++ ULTERIORI APPROFONDIMENTI NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single