Inchiesta ancora in corso, possibile il coinvolgimento di altri soggetti

Violenze sui detenuti, sei agenti di polizia penitenziaria ai domiciliari

Le indagini, relative a una serie di episodi tra aprile 2017 e novembre 2018, sono scattate su segnalazione del garante comunale Monica Gallo

L'Osapp: "Due poliziotti aggrediti nel carcere di Torino, intervenga il Guardasigilli" (foto di repertorio).

Atti di violenza e torture nei confronti dei detenuti: sono queste le accuse a carico di sei agenti di polizia penitenziaria in servizio presso il carcere Lorusso e Cutugno di Torino, arrestasti in mattinata e attualmente ai domiciliari. Sono stati gli stessi colleghi del nucleo investigativo centrale della polizia penitenziaria a notificare ai colleghi le ordinanze di custodia cautelare.

A far scattare le indagini una segnalazione del garante comunale dei detenuti, Monica Gallo, a cui erano stati riferiti episodi di violenza nel corso di un colloquio in carcere. L’inchiesta, condotta dal pm Francesco Saverio Pelosi, ha preso in esame una serie di episodi tra aprile 2017 e novembre 2018.

Se le accuse dovessero essere confermate, gli agenti rischiano dai quattro ai dieci anni di carcere. Le indagini proseguono per accertare eventuali responsabilità di altre persone, indagate a piede libero, e per scoprire altri episodi analoghi. Le misure cautelari sono scattate proprio perché, a giudizio degli inquirenti, sarebbe stato elevato il rischio di inquinamento delle prove.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single